ABITUDINI OBSOLETE: INADEGUATEZZE, DIPENDENZE E FERITE DELL’ANIMA

automobile anni 20 ABITUDINI OBSOLETE: INADEGUATEZZE, DIPENDENZE E FERITE DELLANIMAABITUDINI OBSOLETE: INADEGUATEZZE, DIPENDENZE E FERITE DELL’ANIMA 

Cambiare le abitudini obsolete con nuove abitudini!

Le dipendenze, comprese quelle dagli alimenti e dalle droghe, sono vecchie abitudini.

Abitudini obsolete: inadeguatezze, dipendenze e ferite dell’anima.

Le inadeguatezze e le dipendenze sono causate da abitudini obsolete. Anche le ferite dell’anima sono ricollegabili ad abitudini precoci causate da paure troppo dolorose rimosse nel profondo.

Si dice che dobbiamo fare tesoro dei nostri errori e comprendere la lezione per non sbagliare più. E allora perché spesso continuiamo a sbagliare e a ripetere gli stessi errori?

Purtroppo quando ci accorgiamo di fare gli stessi errori è troppo tardi per rimediare: ormai il nostro corpo si è abituato ai suoi automatismi inconsci! Infatti, il nostro corpo è abitudinario e quando ha preso un’abitudine, buona o cattiva che sia, non la vuole più abbandonare.

E così ci mette nei guai perché la mente comanda di fare una cosa nuova e il corpo continua a fare la cosa vecchia. Ciò perché il corpo fa soltanto le cose che sa fare. Per fare una cosa nuova deve prima imparare come si fa.

dipendenze ABITUDINI OBSOLETE: INADEGUATEZZE, DIPENDENZE E FERITE DELLANIMA

E allora cosa possiamo fare? Dobbiamo “semplicemente” sostituire il nostro vecchio e superato modo di fare le cose.

Per risolvere tutte le nostre inadeguatezze, dobbiamo cambiare le nostre abitudini obsolete con abitudini nuove!

Come si apprende una nuova abitudine? Facendo ogni giorno sempre la stessa cosa fino a quando non diventa automatica.

Una nuova abitudine non è altro che un allenamento o un tirocinio. Quando entriamo in forma, cioè quando la cosa ci riesce bene, senza sforzo e facilmente, è diventata una nuova abitudine.

Noi facciamo bene soltanto le cose che sono diventate automatiche. Ecco perché è difficile eliminare una vecchia abitudine negativa: per il nostro corpo, cioè per noi, è diventata un’autentica dipendenza.

Cambiare le abitudini obsolete con nuove abitudini!

Le dipendenze, comprese quelle dagli alimenti e dalle droghe, sono vecchie abitudini e perciò è difficile eliminarle.

In realtà, tutti i “problemi psicologici” sono comportamenti inadeguati causati da abitudini vecchie e superate. Persino i traumi e le fobie creano con il passare del tempo comportamenti sempre più inappropriati e problematici. Il mondo cambia velocemente e chi non si adegua è perduto. Purtroppo chi è stato “ferito” difficilmente riesce ad adeguarsi.

Il corpo apprende solo con la pratica, cioè facendo e ripetendo a lungo lo stesso esercizio; e non è veloce come la mente che apprende subito e memorizza.

Ruderi ABITUDINI OBSOLETE: INADEGUATEZZE, DIPENDENZE E FERITE DELLANIMAIl nostro corpo le cose le impara solo praticamente, cioè esercitandosi in continuazione. Ripetendo un esercizio, ad un certo punto si crea una nuova abitudine che corrisponde alla formazione di un complesso di circuiti neurologici.

Infatti il corpo funziona grazie ai circuiti neurologici che sono sinapsi tra neuroni. I neuroni dei bambini hanno ancora pochissimi circuiti neurologici. Gli adulti ne hanno moltissimi perché sanno fare tantissime cose.

Purtroppo, le abitudini invecchiano rapidamente man mano che cresciamo. Ed è anche necessario praticarle in continuazione. Quando un organo non lo usiamo più, lo perdiamo perché i circuiti neurologici si disgregano e non sappiamo fare più nulla.

Né più e né meno delle strade abbandonate e delle case disabitate. Tutto si disgrega e va in rovina senza l’uso e la manutenzione.

Di |2021-04-09T11:55:32+01:00Aprile 9th, 2021|crescita personale|0 Commenti

EMOZIONI: COMUNICAZIONE SCIENTIFICA

cover1 le emozioni sono la reazione EMOZIONI: COMUNICAZIONE SCIENTIFICAEMOZIONI: COMUNICAZIONE SCIENTIFICA

Tre tipi di pensieri: di agio, disagio e misti o neutri.

Emozioni: comunicazione scientifica.

Le emozioni mettono in comunicazione la mente con il corpo trasformando i pensieri in sensazioni corporee che possono spingere il corpo all’azione, alla reazione o alla stasi.

Esse generano buonumore, malumore ed umore neutro grazie agli ormoni che sono attivati dai nostri pensieri.

I pensieri sono come i semi e vanno nominati esattamente come si fa con i semi.

Ogni pensiero attiva uno specifico ormone e uno specifico tipo di respiro. Ecco perché potremmo dire che l’emozione è già contenuta nel pensiero stesso.

E infatti possiamo parlare di pensieri di gioia, di tristezza, di paura, di rabbia, di serenità, e così via.

I TRE TIPI DI PENSIERI

Ci sono tre tipi di pensieri:

di agio o di sicurezza, cioè positivi, che danno luogo alle emozioni positive;

di disagio o di pericolo, cioè negativi, che danno luogo alle emozioni negative;

e pensieri misti o neutri, cioè né positivi né negativi, che danno luogo ad emozioni neutre come la calma, la pazienza, la pace e l’armonia.

I pensieri misti sono detti anche neutri perché determinano un perfetto equilibrio tra il sistema nervoso simpatico e parasimpatico.

La coerenza del cuore è prodotta soltanto dai pensieri neutri o misti, mentre i pensieri positivi, come per esempio i pensieri gioiosi, sono eccitanti, e quelli negativi, come per esempio i pensieri tristi, sono deprimenti.

La paura è il più potente depressivo. La felicità invece è il più potente eccitante e sarebbe pericolosa se durasse di più.

Di |2021-04-04T17:53:25+01:00Aprile 4th, 2021|crescita personale|0 Commenti